Coordinamento de LE PAROLE RITROVATE

CULTURA E PRATICA DELLA CONDIVISIONE NELLE POLITICHE DI SALUTE MENTALE
 
Incontro Regionale del Lazio
22 giugno 2019 
Sala Teatro ASL di Frosinone

La collaborazione tra operatori, utenti e familiari si va sempre più affermando come elemento determinante nella creazione di contesti di cura in cui le persone con disagio mentale partecipano attivamente alle decisioni che le riguardano, favorendo climi positivi un cui la speranza e la fiducia diventano aspetti sempre più riconoscibili.

Il movimento de LE PAROLE RITROVATE di cui VER.BENE è referente per la provincia di Frosinone,  è nato per far incontrare utenti e operatori dei servizi di salute mentale, familiari, cittadini, rappresentanti delle istituzioni pubbliche nell’ottica del “FAREASSIEME”, cioè dell’imparare a lavorare assieme valorizzando la partecipazione e il protagonismo di tutti.

GUARDA IL VIDEO E LE FOTO DELL’EVENTO

Continua a Leggere…

PROGETTI FINANZIATI 2019

UNA STANZA TUTTA PER NOI

In una società spesso individualistica come la nostra, il valore della relazione, come ricerca volta a costruire il senso di reciprocità, diventa componente essenziale dei percorsi di miglioramento della qualità dell’esistenza.
Avere una sede rappresenta la possibilità di stare insieme in una situazione di socialità allargata, non sanitaria ma protetta, che si occupa della presa in carico delle esigenze di socializzazione delle persone in generale e di quelle che fragilità psichiche in particolare; rappresenta inoltre un luogo di accoglienza e promozione di rapporti positivi, di messa in atto di laboratori, di realizzazione di attività ideate dalle persone stesse che la frequentano, promuovendo motivazione, possibilità di partecipazione e di prendere decisioni, in ultima analisi possibilità di “sentirsi meglio”. Infatti il senso di appartenenza ad un gruppo mette in moto riconoscimenti, sentimenti di affetto e reciproci affidamenti a partire dai quali si può incominciare a pensare che “insieme si può fare” e l'”io” può evolvere gradualmente nel “noi”.